15 OTTOBRE TERMINE ULTIMO PER RENDICONTAZIONE BONUS FORMAZIONE.

articolo scritto il 10 ottobre 2016

Si avvicina la scadenza del 15 ottobre termine ultimo entro il quale i docenti dovranno rendicontare le spese sostenute per l’aggiornamento professionale.

Altro lavoro quindi per le scuole che come al solito sono state lasciate a svolgere un gravoso adempimento in considerazione dell’elevato numero di docenti in servizio ma soprattutto nell’interpretazione delle norme sull’ammissibilità delle spese e la compilazione del modello B da inviare entro il 31 ottobre agli USR.

Di seguito riepiloghiamo i contenuti della nota del 29/08/2016, riguardante la rendicontazione del bonus e le FAQ del Miur.

I docenti, entro il 15 ottobre, potranno presentare come documenti che provano le spese sostenute entro il 31 agosto:

  • lo scontrino fiscale;
  • la ricevuta fiscale;
  • la fattura;
  • la ricevuta di bonifico bancario;
  • il biglietto per la partecipazione agli eventi di cui all’articolo 4, comma 1 lettere d) ed e) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 settembre 2015 (rappresentazioni teatrali e cinematografiche; ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo). Può essere presentato un solo biglietto per evento.

Sono ammessi anche acquisti on-line purché sia possibile produrre la documentazione comprovante l’acquisto.

I documenti comprovanti gli acquisti devono contenere la descrizione del bene o del servizio usufruito.

La documentazione delle spese sostenute deve essere consegnata in originale ovvero in copia dichiarata conforme all’originale sotto la propria responsabilità all’Istituzione scolastica di ultima titolarità ovvero, per i docenti immessi in ruolo nell’anno scolastico 2015/2016 che hanno optato per il differimento della presa di servizio, dall’Istituzione scolastica di ultimo servizio. L’Istituzione scolastica ha l’obbligo di conservazione di tale documentazione. Non sono riconosciute spese sostenute in Paesi nei quali non sono previsti strumenti di rendicontazione della spesa.

Il Ministero ha messo a disposizione un modello per la rendicontazione (mod. A).

I rendiconti con la relativa documentazione giustificativa raccolti dalle Istituzioni scolastiche devono essere resi disponibili, a richiesta, per controlli a campione da parte dei revisori dei conti. Gli Uffici Amministrativi delle Istituzioni scolastiche verificano, ciascuno per i docenti di propria pertinenza, che tutti i destinatari delle risorse abbiano prodotto la rendicontazione delle spese sostenute per finalità formative e aggiornamento professionale, nonché la documentazione comprovante l’effettivo utilizzo dell’importo loro erogato e la dichiarazione redatta tramite il citato modello A.

Per i soli docenti che hanno ricevuto il bonus formativo dopo la data del 1° agosto 2016 il termine del 31 agosto per l’utilizzo dell’importo di 500 euro erogato per finalità formative è prorogato fino al 15 ottobre.

Nella nota si specificano anche le tempistiche per gli Uffici amministrativi delle scuole che dovranno inviare la documentazione relativa alle spese agli Uffici scolastici regionali. In particolare, spetta alle scuole il controllo dell’utilizzo errato del bonus (spese inammissibili).

Entro il 31 ottobre 2016 le istituzioni scolastiche dovranno inviare agli USR il prospetto riassuntivo (mod. B), utilizzando l’apposito indirizzo di posta elettronica certificata dell’ufficio scolastico regionale competente, con l’indicazione di tutti i docenti beneficiari del bonus formativo nell’anno scolastico 2015/2016.

Condividi: